Vincitrici… anzi no! Prima parliamone…

giovedì 3 settembre 2015

Ciao a tutti,

è arrivato il momento di decretare le vincitrici dei regalini (nuovi per il giveaway, usati per la beauty adoption) messi in palio in occasione del quinto compleanno del blog.

Prima però mi dispiace, ma devo togliermi un sassolino dalla scarpa.

Ci risiamo. Passano i mesi, passano gli anni, ma chi si iscrive al blog solo per i giveaway c’è sempre. Ne avevo parlato anche a novembre in occasione dell’ultimo giveaway organizzato, per chi non avesse letto l’articolo a suo tempo, questo è il link. Vi prego di dargli un’occhiata se non lo ricordate, potrei ricopiarlo interamente e sarebbe sempre attuale visto che quest’anno la situazione non è cambiata di una virgola. Inoltre voglio aggiungere qualche altro pensiero.

Ci sono ancora persone che non hanno capito lo scopo dei giveaway, almeno i miei. Magari se lo scrivo a caratteri cubitali riesco a farglielo comprendere?? Ci provo:

LO SCOPO DEI GIVEAWAY DI PAM’S BLOG E’ DI FARE UN REGALINO AD UNA RAGAZZA CHE, PIU’ O MENO ATTIVAMENTE, SEGUE IL BLOG OPPURE AD UNA CHE SI ISCRIVE PERCHE’ HA INTENZIONE DI SEGUIRLO.

NON SI TRATTA DI CONCORSI FATTI DA AZIENDE A SCOPO DI MARKETING, QUELLI SONO UN’ALTRA COSA.

Persone che partecipano ai giveaway “di mestiere” e che si disiscrivono appena leggono che il nome del vincitore non è il loro, per poi ricomparire al giveaway seguente.

Persone che, nella migliore delle ipotesi, “leggiucchiano” l’articolo con le due regolette da seguire e compilano il modulo Rafflecopter in velocità per poi passare al prossimo giveaway della lista.

Persone che sul profilo Facebook hanno solo ed esclusivamente una sfilza infinita di condivisioni (decine al giorno) che spesso ti chiedi anche se abbiano una vita oltre ai giveaway.

Persone che iscrivono anche il gatto per avere più chance e pensano che nessuno se ne accorga (altrimenti detto: “l’indirizzo ip, questo sconosciuto…”).

Persone che se io chiedo “qual è il tuo colore preferito” rispondono “42”*.

Dopo l’articolo dell’anno scorso pensavo fosse cambiato qualcosa, invece… Dallo scorso giveaway a novembre nessuna (o quasi) delle nuove follower che hanno partecipato si è fatta più viva su questi schermi, anche molte di quelle che avevano commentato il post.

Non ho mai sopportato gli opportunisti, ce ne sono già tanti nella vita reale con i quali sei costretta ad interfacciarti, figuriamoci se voglio aggiungerci anche quelli sul blog.

Per questo da ora in poi ho deciso di cambiare le regole: intanto in questi ultimi giveaway ho cancellato tutte le partecipazioni di chi ha risposto alla domanda sbagliata presumendo che non abbia neanche letto le 10 parole della domanda nel form di Rafflecopter oltre che ovviamente l’articolo, che sai, ci possono volere ben 5 minuti del nostro preziosissimo tempo…

Mi si potrebbe dire di farmi i fatti miei, che le persone il tempo lo impiegano come vogliono. Giusto, ma allora anche io i regali li faccio a chi voglio e sicuramente ho intenzione di farli ad amiche non a persone opportuniste.

Ecco, l’anno scorso non volevo essere polemica e non lo sono stata, ma quest’anno mi sono stufata. Ho molta pazienza, ma anche quella ha un limite.

Nei prossimi giveaway vedrete delle novità, metterò in pratica questi concetti, ma ancora non vi anticipo niente. Troppo facile altrimenti per i più furbi… Vi dico solo che continuerò ad organizzare giveaway accessibili a tutti, ma userò altri sistemi per premiare le vere follower.

I soliti furbi

So che ho poche follower e che forse qualcuna dopo questo post la perderò (spero di sbagliarmi…), ma voglio correre il rischio anche perchè per me non conta la quantità ma la qualità e so che chi resta non è solo una follower ma una mia amica.

Con questo non voglio accusare nè le nuove arrivate (anzi sono lieta di avere nuove amiche, benvenute!!) nè chi legge sempre ma non commenta mai o quasi: ben venga il lettore silenzioso che magari partecipa solo ai giveaway e mette ogni tanto un Mi piace su Facebook, perchè come vi dicevo in passato, aumenta comunque le visualizzazioni del blog e magari un giorno vincerà la sua timidezza e scriverà due righe… Ma se non sei nemmeno un lettore perchè neanche leggi gli articoli che scrivo, ma solo un “serial giveawayer” (si dice così??) che zompi da un blog a un altro alla velocità della luce, allora sì, mi rivolgo a te: rileggi le parole scritte in stampatello qui sopra, mettiti una mano sulla coscienza e valuta se stai facendo la cosa giusta. 

La ciliegina sulla torta è stata la beauty adoption (strano, pensavo attirasse di più il giveaway con pochi prodotti nuovi piuttosto che molti prodotti usati, ma penso che alcuni di quelli che hanno partecipato non hanno neanche capito che si trattava di usato…) dove nel testo del brevissimo post (sono 3 frasi, dai!!) avevo scritto che l’isola da indovinare era spagnola, mentre nel form Rafflecopter avevo “dimenticato” questo dettaglio (trabocchetto? Diciamo che era un banale test per vedere chi mi legge davvero). Bene, molte partecipanti non hanno indicato un’isola spagnola, ma di altre nazioni, quindi sono 2 le cose: o c’è un’ignoranza dilagante e nessuno sa più se un’isola è italiana, greca, francese o spagnola (ma magari perdere 30 secondi per guardare su Google Maps o sul caro vecchio atlante, no?) oppure, più probabilmente, nessuna di queste persone ha letto la frase scritta 3 righe sopra il form Rafflecopter. Considero anche una piccola percentuale di distratte, che magari ha letto l’articolo ma non ha fatto caso a quel dettaglio, ma si tratta di una, massimo due persone.

Vi chiedo di perdonarmi per questo sfogo, ma veramente a volte vedendo certe cose mi cadono le braccia…

E voi come la pensate sull’argomento? Vi danno fastidio le persone superficiali e opportuniste o riuscite a farvele scivolare addosso? Secondo voi sono troppo esigente se chiedo che chi partecipa ai miei giveaway deve essere una mia “amica” o “futura amica”?

Sono ben accetti tutti i commenti, anche di chi non è d’accordo, basta che spieghi le sue ragioni in modo civile e costruttivo. Potreste riuscire a farmi cambiare idea, non sarebbe la prima volta.

Le vincitrici comunque potrete leggerle domani, voglio che abbiano un momento tutto per loro, separato da questo post che non voleva essere polemico, ma alla fine è uscito un po’ provocatorio.

* Che poi per qualcuno non sarebbe neanche la risposta sbagliata… Avete capito la citazione? Chi la indovina ha un caffè pagato!!
bloglovin

14 Responses to “Vincitrici… anzi no! Prima parliamone…”

  1. avatar MARIANNA DI LORENZO ha detto:

    ciao io faccio parte dei silenziosi lettori ritrosi, non commento ma prima di partecipare a un giveaway mi piace visitare il blog della tipa e se non mi piace il suo stile o i suoi articoli a prescindere dal premio non partecipo. mi dispiace tanto del tuo “dispiacere” o nervosismo sull’accaduto in realtà il giveaway dovrebbe essere un momento di grandi festeggiamenti e non di polemiche. sono in gran parte d’accordo con il tuo pensiero. complimenti comunque alle vincitrici chiunque siano . saluti

    • avatar Pamela ha detto:

      Ciao Marianna,
      grazie per questo commento che mi dà occasione di dire altre due cose.
      Dici che partecipi ai giveaway solo se ti piace lo stile del blog: immagino che poi una volta che hai scoperto il sito tramite un giveaway poi continui anche silenziosamente, a seguirlo, giusto? Perchè questo sarebbe lo spirito giusto.
      Il paragone con una festa è calzante: quando faccio una festa in cui si parla, si balla, si gioca e si mangia, invito i miei amici o persone che lo vogliono diventare, non chi si intrufola solo per il buffet.
      Questo non è nervosismo e il post non voleva essere polemico, ma solo uno spunto di discussione e un invito per chi ai giveaway partecipa di mestiere a farsi un esame di coscienza. Tanto alla fine il modo per partecipare lo trovano comunque se vogliono…
      E poi volevo anche chiarire che c’è una enorme differenza tra i giveaway di una blogger come me e i concorsi della Ferrero, Coca Cola, Barilla, ecc. Io lo faccio per fare un regalo ad un’amica, loro per fare pubblicità ai prodotti che vendono. E’ ben diverso.
      A presto e grazie ancora di essere uscita dal silenzio 🙂

  2. avatar Teresa Teresa ha detto:

    quanto nervosismo… rilassati 😉
    si partecipa anche in modo passivo ma attivo semplicemente leggendo…non necessariamente bisogna commentare!

    • avatar Pamela ha detto:

      Teresa, non ti preoccupare, non sono nervosa. 🙂 Come dicevo, il post è solo per far riflettere.
      Nessuno vieta di leggere i blog senza commentarli, anzi ben vengano i lettori silenziosi (l’ho scritto anche nel post) ma almeno che siano lettori!! Se invece ti limiti a partecipare ai giveaway di un blog, senza leggere neanche l’articolo di presentazione del giveaway e poi sparisci fino a quando non ne viene fatto un altro, ti puoi considerare un lettore? Secondo me no. Non credi?
      Grazie per il commento e alla prossima!!

  3. avatar nella ha detto:

    Mia cara , un applauso perchè qualcuno a tal proposito qualche volta ci mette la faccia e si sfoga…cosa rarissima anche sul virtuale.
    Io penso di essere esclusa , perchè purtroppo mi sono iscritta a concorso chiuso, ma non mancherò di esserci per la prossima volta..
    Bacioni!

  4. avatar MakeUpNonSolo ha detto:

    Pam…come ti capisco…
    io una volta avevo messo una domanda e mi sono trovata delle risposte struse e che non c’entravano nulla…e la mia risposta era facilissima, era Dior!!
    vabbè…hai fatto bene a scrivere tutto quello che ti passava per la mente. Alla fine il blog è anche un posto dove potersi sfogare di tutto (o almeno io lo vivo così).
    Un abbraccio

    • avatar Pamela ha detto:

      Alice, immagino che tu ti sia trovata nella mia stessa situazione, basta fare un giveaway e i problemi sono sempre i soliti…
      Stavolta non ho voluto fare la “cattiva” e visto che non tutte hanno Facebook o si vogliono iscrivere, avevo messo come obbligatoria solo la domanda, ma alla fine qualsiasi isola spagnola andava bene, bastava che fosse un’isola e SPAGNOLA!! Invece mi sono ritrovata di tutto…
      Ma mi regolerò di conseguenza per il futuro…
      Comunque non volevo che questo sfogo venisse letto come qualcosa di negativo, ma come un modo per discutere dell’argomento e trovare insieme una soluzione.
      Un abbraccio
      P.S. Allora ci vediamo la prossima settimana? 🙂

  5. avatar Cristina Calligalli ha detto:

    Il fatto è che se uno fa un give con delle regole poi uno partecipa attenendosi ale regole. Voglio dire se vuoi premiare solo le tue lettrici affezionate metti come regola “essere iscritte da almeno 6 mesi” oppure “aver commentato almeno 4 articoli negli ultimi 6 mesi”. Non è questione di essere buoni o cattivi ma di decidere che persone vuoi si iscrivano al tuo blog e al tuo give che scopo vuoi ottenere. Imparate a pensare a cosa volete ottenere e fate le regole appropriate e precise e uno si adegua.

    • avatar Pamela ha detto:

      Ciao Cristina,
      interessante il tuo punto di vista, ma lo condivido solo se sostituisci la parola “giveaway” con “concorsi”.
      Lo scopo dei giveaway non è fare pubblicità o regalare degli oggetti fatti da te o comprati con i tuoi soldi a sconosciute che spariscono subito dopo aver letto che non hanno vinto. Alla Coca Cola non gli interessa se partecipi ai suoi concorsi e poi non vai più sul suo sito perchè è un’azienda e fa concorsi con tanto di regolamento depositato e autorizzazioni concesse, mica fa giveaway. Ho lavorato nel settore e so bene come funziona. Non sono nata ieri in questo campo.
      Avevo già pensato alle regole che mi suggerisci di inserire, ma in quel modo escluderei le nuove follower che mi vogliono seguire in futuro e non mi sembra giusto. Non voglio arrivare al punto di indagare su ogni partecipante per vedere se ha intenzione di seguirmi oppure se ha una sfilza di “partecipo e condivido” sul suo profilo Facebook, perchè sarebbe discriminatorio e perchè ci sono alcune ragazze che partecipano a molti giveaway ma contemporaneamente seguono anche il blog e partecipano, a volte con un commento, a volte con un mi piace.
      Non sto a sindacare sulla cattiveria perchè voglio pensare che non ce ne sia in questo ambito, semplicemente mi sembra che in molte stiano facendo la parte delle “imbucate alla festa” e per carattere non ho mai sopportato gli opportunisti.

      P.S. Lo scopo dei miei giveaway ce l’ho ben chiaro, forse ti è sfuggito ma l’ho scritto in maiuscolo nel post… 🙂

      • avatar Cristina Calligalli ha detto:

        Infatti tu hai scritto, correttamente, “LO SCOPO DEI GIVEAWAY DI PAM’S BLOG” specificando che è lo scopo tuo non dei niveawey in generale. Ho solo suggerito di mettere regole che facciano sì che le persone che ti seguono più attivamente abbiano, almeno, più possibilità. Molte mettono una azione che possa essere ripetuta come aprire la pagina, condividere, commentare insomma quello che vuoi in questo modo ottieni lo scopo di avvantaggiare chi ti segue.
        Ora tu hai tutte le ragioni di lamentarti dei partecipanti io volevo solo far riflettere dal punto di vista di una partecipante che non toglie il “mi piace” il giorno dopo ma sì è iscritta a mille blog che non leggerà mai e non lo dico con vergogna. Voi mettete delle regole e noi partecipiamo. Spesso i give sono fatti a caso con regole sceme (non parlo del tuo in generale) con mille facoltativo ora ribadisco io rispetto il lavoro di chi scrive e fa questi give ma ci va rispetto anche per chi partecipa regole chiare, non aleatorie che non creino malcontenti da nessuna delle due parti.

        • avatar Pamela ha detto:

          Cristina, scusami, rispetto quello che dici perchè è la tua opinione, ma stavolta non la condivido.
          Sia nel giveaway che nella beauty adoption recenti c’erano dei punti aggiuntivi per chi aveva commentato nell’ultimo anno, infatti fortunatamente la beauty adoption l’ha vinta proprio una lettrice storica grazie a quei 5 punti in più.
          Le azioni ripetute come quella di condividere ogni giorno il post del giveaway vanno a tutto vantaggio delle ragazze che partecipano in modo “seriale” ai giveaway perchè un’altra persona non condividerebbe per 30 giorni di fila lo stesso post sul suo profilo facebook solo per guadagnare punti e vincere un rossetto usato.

          Secondo me sbagli quando dici “VOI mettete delle regole”: io sono una ragazza come te, “partecipante” anche io di giveaway delle blogger che seguo, solo che in più ho voglia di scrivere ed ho aperto un blog. I giveaway li faccio per premiare una mia lettrice e far conoscere questo spazio a chi ancora non è una lettrice ma vuole diventarlo, quindi, siccome non ho la sfera di cristallo e non leggo il futuro, non posso sapere chi conosce questa pagina grazie al giveaway e resterà e chi invece mette un mi piace e poi mi ignorerà totalmente.

          Sei onesta a dire che non leggerai mai i blog a cui ti iscrivi, (l’80% di quelle che hanno partecipato si comportano come te ma non lo dicono) ma, primo non sai quello che ti perdi a non dare una capatina ogni tanto ai blog, secondo così portate alla morte dei giveaway che non vengono più visti da molte blogger come all’inizio, cioè un modo per farti conoscere da altre ragazze con le tue stesse passioni, ma come un modo per scroccare un regalo. Ti ripeto: i concorsi delle aziende sono un’altra cosa e il tuo ragionamento in quel caso non fa una piega.

  6. avatar MARIANNA DI LORENZO ha detto:

    non trovo il commento della vincitrice Marianna B.

    • avatar Pamela ha detto:

      Non trovi il suo commento perchè non c’è. Si partecipava su Rafflecopter, non attraverso commenti.
      Leggeteli i post che scrivo, almeno quello dove ci sono le regole per partecipare…

RSS feed for comments on this post. And trackBack URL.

Leave a Reply

Scrivi il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.