Consiglio per passare un bel weekend

giovedì 12 agosto 2010

Se vi avanza un week end o qualche giorno di ferie e non sapete dove andare e cosa fare vi consiglio di passarlo sul Garda.

Noi ci siamo stati a metà luglio per circa una settimana e, nonostante facesse molto caldo in quel periodo, siamo stati molto bene e ci siamo divertiti un sacco!

Siamo andati in macchina  perchè volevamo essere liberi di gestirci le giornate e poi da Firenze ci si mettono poco più di 2 ore…

Qualche giorno prima abbiamo prenotato tramite internet una camera in un agriturismo a Valeggio sul Mincio, un paesino ad una ventina di km dal lago.
La posizione è strategica, a circa 15/20 minuti dai parchi (Gardaland, Caneva, ecc,) e a 3 minuti da alcuni acquapark della zona (es. Cavour, ad appena 1 km).

Agriturismo Corte Morandini

Corte Morandini (questo il nome dell’agriturismo) ha la struttura tipica di un casale: il complesso è stato ristrutturato nel 2007 ed è curato in ogni dettaglio (dai led sulle finestre che si accendono ogni sera, all’arredamento in perfetto stile “di campagna” sia della sala da pranzo che delle camere).
L’esterno è ben curato, con un grande parcheggio, un prato sempre in ordine e un piazzale con decine di tavoli per cenare all’aperto.
L’ingresso/sala da pranzo è grande e luminoso: qui la mattina abbiamo mangiato torte fatte in casa con tutti ingredienti naturali (dalle uova delle loro galline, alla frutta del vicino di casa, alle marmellate fatte da loro, al pane fresco fatto nella macchina del pane…). Inoltre portano, se li chiedete però, anche i salumi fatti da loro appena affettati e le uova strapazzate al momento: il problema è che se dici di sì una volta, te li portano anche tutte le mattine dopo e se ti lasci tentare troppo… addio linea!!
Durante il week end l’agriturismo diventa anche ristorante sia a pranzo che a cena, ed è possibile mangiare esclusivamente prodotti tipici della zona preparati con prodotti dell’azienda agricola: molto buono il carpaccio e la grigliata mista, non abbiamo provato il carrello dei bolliti perchè è un piatto invernale, ma i nostri preferiti erano gli antipasti misti (affettati, giardiniera e polenta e salsicce) e i tortelli freschi di pasta all’uovo alle nocciole tipici della zona. Ovviamente la scelta del menu è limitata perchè utilizzano prodotti del loro orto e dei loro animali, ma noi abbiamo trovato sempre cose molto buone, e la bilancia può confermare…
La nostra camera (Tiglio) era pulita, non enorme ma c’era tutto il necessario tranne il frigobar (e vi assicuro che con 40° fuori, tutte le sere prima di andare a letto dovevamo chiedere una bottiglia alla reception…).
I titolari ci hanno fatto anche fare il giro delle stalle e dell’agriturismo, sono stati molto gentili e ci hanno fatto davvero sentire come a casa.
I prezzi sono abbastanza onesti per la zona, anche se secondo me sarebbe necessario un ritocchino al ribasso sul prezzo della camera (80 euro a notte) considerato che è comunque un agriturismo…
La cosa che ci ha colpito di più è stata l’intraprendenza e l’apertura alle innovazioni dei titolari che, anche se non giovanissimi hanno trovato il coraggio di rimettersi in gioco con l’agriturismo. 
Prima di andare, però, è meglio informarsi sul loro sito sulle attività che è possibile svolgere perchè non vengono tutte proposte subito (ad esempio fare passeggiate a cavallo, visitare l’azienda agricola, acquistare prodotti tipo marmellate, salumi, carni, ecc.) e c’è il rischio di perdere diverse cose interessanti!!

Voto: 8

Parco Giardino Sigurtà

E’ un parco bellissimo proprio in centro a Valeggio. E’ immenso, pieno di alberi, prati, fiori, animali e noi purtroppo ci siamo stati solo qualche ora perchè  non pensando che fosse così grande ci siamo andati verso l’orario di chiusura. Ma ci torneremo… Il prezzo del biglietto è un pò caro per un parco, ma vi assicuro che ne vale la pena, e poi si può sempre chiedere dei buoni sconto in agriturismo, noi l’abbiamo saputo solo dopo esserci stati che ce li avevano!!!

Abbiamo anche noleggiato una macchinina tipo quelle da golf per girare dentro il parco e l’ho guidata io (chissà perchè c’era un fuggi fuggi generale quando passavamo noi ) e vi assicuro che senza non si può vedere tutto il parco: solo il percorso delle macchinine è di 7 km e ogni 2/300 metri ti devi fermare per vedere qualcosa!!

Voto: 8,5

Gardaland

Tappa obbligata non poteva che essere il parco giochi più famoso d’Italia: diciamo che non siamo stati male, nonostante il caldo, i prezzi alti e le file chilometriche… Per fortuna avevamo deciso di comprare le tesserine che ti consentono di saltare le code su alcune attrazioni (12 euro in più ciascuna…), quindi le nostre attese per ogni gioco della tesserina erano in media di qualche minuto, per gli altri si parlava di minimo mezz’ora… Siamo stati tutta la giornata, abbiamo cenato anche lì e abbiamo visto lo spettacolo con i laser. Ok, tutto fatto bene, però abbiamo notato parecchia disorganizzazione e alcune attrazioni un pò deludenti (con tutta la pubblicità che hanno fatto ad Inferis mi aspettavo un pò di più che non qualche attore vestito di nero che nel buio ti tocca un braccio… di pauroso lì c’era solo la coda di oltre un’ora!).

Voto: 7

Movieland

Non sapevo che in Italia avessero tentato di imitare l’esperienza degli studios californiani (vedi Universal Studios a Hollywood ) ed invece…

Movieland si trova accanto al parco acquatico Caneva e c’è una formula per cui con lo stesso biglietto puoi visitare entrambi i parchi. Noi siamo stati solo a Movieland, immaginavo che ci saremmo divertiti essendo appassionati di cinema, ma non pensavo così tanto e devo dire che è stata una piacevole sorpresa: zero code, poca gente, molte attrazioni identiche o simili a quelle degli Universal Studios, prezzi più bassi di Gardaland e molto più impegno da parte dei dipendenti del parco. Unico problema poteva essere il fatto che nella quasi totalità dei giochi ti bagni (in alcuni in modo esagerato tipo nel sommergibile…) ma quando ci siamo andati noi era un caldo infernale, quindi non ci siamo lamentati più di tanto… I migliori sono secondo noi il tour con i camion, il simulatore di scuola di polizia, la Holliwood Tower, e assolutamente da non perdere lo spettacolo di John Rambo. E la casa degli orrori di questo parco è davvero molto meglio di Inferis a Gardaland!!  

Voto: 9

Parco Natura Viva (Zoo Safari del Garda)

Non avevo mai fatto un safari e l’idea che le scimmiette potessero saltare sopra l’Audi di mio marito (a cui lui tiene in modo maniacale )  mi divertiva tanto . Non è successo niente di tutto ciò allo Zoo Safari (purtroppo… ) ma è stata lo stesso una bella giornata!! La cosa che più ci ha colpito è che tutti gli animali che hanno sia nella parte del parco dove si va a piedi, sia nella zona del safari danno l’impressione di sentirsi a loro agio: non ci sono gabbie piccole, parecchi animali sono liberi, soprattutto uccelli e animali da cortile e gli animali più grandi hanno molto spazio a loro disposizione, la maggior parte vive in grandi aree recintate dove in genere viene riprodotto il loro habitat naturale. Le aree sono talmente ampie che spesso non è possibile neanche vedere gli animali perchè si nascondono tra gli alberi o in mezzo all’erba (ma ci sarà stato davvero quel giaguaro che nessuno ha visto?? ).

L’unico problema è che il parco è davvero tanto grande e non basta un giorno per vederlo tutto senza fare le corse…

Voto: 8

Lago di Garda (lato Lombardia)

Una mattina abbiamo preso la macchina e iniziando da Sirmione, guida turistica alla mano, abbiamo costeggiato tutto il lago di Garda fino ad arrivare a Riva del Garda in Trentino. Sinceramente non ci è piaciuto molto, forse perchè quello è il lato dove batte meno il sole, poi i paesini ci sono sembrati tutti uguali, quasi non esistono spiagge ma solo scogliere a picco sul lago e tante, tantissime gallerie!!! L’unica cosa che ci è piaciuta sono state le numerose persone che facevano kite surf…

No, quel lato del lago non fa per noi (o forse con una brava guida… chissà!)

Voto: 5

Lago di Ledro

Delusi dal versante Lombardo del lago, guidati da un’ottimo libretto comprato qualche giorno prima, porto Francesco un pò fuori il lago, sempre lì vicino, ma verso il Trentino. Qui, dove la temperatura era più bassa di 5°/6° e l’umidità quasi inesistente, c’è un altro laghetto, più piccolo e meno conosciuto, e sembra di stare sulle Alpi: sei sul lago di Ledro. Dopo una rapida visita al museo locale delle palafitte e le classiche foto di rito  ce ne siamo andati. Più rilassati e rinfrescati… 

Voto: 8

Lago di Garda (lato Veneto)

Per completare il giro un giorno abbiamo fatto anche un tour della parte Veneta del lago. Questa ci è piaciuta di più, i paesi forse un pò più turistici, sono intervallati da piccole spiaggette dove diversi turisti prendevano il sole (non c’era la folla comunque…). Per rinfrescarci, durante le ore più calde della giornata siamo andati in cima al Monte Baldo con la funivia rotante, che ti permette di fare le foto anche al lago. Abbiamo socializzato con le mucche che pascolavano lassù, con degli asini che si avvicinavano ai passanti e con degli alpaca che avevano la testa rovente a causa della loro pesante lana (delle vere “teste calde” ).

Tutto sommato ci è piaciuta questa “gita” e ci torneremmo volentieri con più calma… L’unico appunto: non abbiamo visto le “Marmitte dei Giganti” perchè non abbiamo trovato la strada, è segnalata fino ad un certo punto, poi non sai più dove andare… Peccato!

Voto: 7

bloglovin

Leave a Reply

Scrivi il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.