Dermal Institute: trattamento viso all’ossigeno attivo

giovedì 4 gennaio 2018

Ciao a tutte,

iniziamo l’anno con la recensione di un trattamento viso per il ringiovanimento cutaneo: vediamo se possiamo far tornare indietro le lancette dell’orologio almeno per quanto riguarda la pelle del nostro viso… 

A novembre sono stata invitata dall’azienda Dermal Institute ad una prova gratuita di un trattamento viso anti age in un centro estetico convenzionato qui a Firenze.

Prima di parlarvi del trattamento in sé, però, devo farvi una premessa sull’atteggiamento del personale.

Il personale

Quando una ragazza estremamente gentile dell’azienda mi ha contattata al telefono non avevo ben capito di cosa si trattasse, ma essendo curiosa ho accettato (e ho pure convinto un’amica a farlo insieme a me).

In realtà pensavo che l’invito fosse arrivato perchè al Cosmoprof avevo dato i contatti del blog all’azienda e pensavo volessero farmi testare un trattamento per poi parlarne qui se mi fossi trovata bene. Insomma, pubblicità a costo quasi zero per loro, nuova esperienza per me. Lo so, sono un’illusa, credo che tutte le aziende comprendano l’importanza, ma soprattutto il funzionamento, dei blog e invece…

Queste prove erano finalizzate solo ed esclusivamente alla vendita di un pacchetto di 15 trattamenti a 119 euro cadauno anziché 149. Solo quando sono arrivata lì mi sono accorta che, nè la dipendente del centro nè l’addetta Dermal Institute erano state messe a conoscenza del mio blog. Fin qui tutto ok, se non fosse che anche dopo aver parlato del blog alla ragazza che mi aveva fatto il trattamento, l’atteggiamento “devo venderti settordicimila trattamenti a un milione anziché un trilione di dollari” non è cambiato.  E al mio ennesimo rifiuto motivato, la ragazza, con un’espressione tra lo stupito e l’imbronciato, si è affrettata a liquidarmi nonostante fosse in anticipo sugli appuntamenti, per tentare la vendita sulla mia amica con la stessa tecnica (ottenendo lo stesso risultato negativo oltretutto).

Peccato!! Sia per loro, che hanno perso due potenziali clienti e un po’ di pubblicità gratis (non solo qui sul blog), che per noi, perchè i trattamenti sembravano efficaci. E io ho fatto una mezza figuraccia con la mia amica, che per fortuna è intelligente e ha capito la situazione.

Il trattamento

Si tratta di un macchinario che svolge due tipi di trattamenti: uno simile alla radiofrequenza ma, per quanto ho capito, più “soft”, l’altro che veicola un siero all’acido ialuronico tramite l’emissione di un getto di ossigeno attivo puro.

Dopo una breve intervista sulla mia pelle, l’addetta Dermal Institute mi ha consigliato quest’ultimo.

La prova consisteva in 12 minuti di trattamento, mentre normalmente una seduta completa dura 30 minuti. Il ciclo completo di trattamento dura 15 sedute, da fare una volta al mese per massimizzarne gli effetti, tenendo conto anche dei tempi di rigenerazione della pelle e della produzione di collagene.

I risultati

Attenzione: questo paragrafo contiene immagini scioccanti, e parlo non di uno, ma di ben due faccioni della sottoscritta.  Oltretutto mezza struccata. Si tratta di immagini nude e crude, senza alcuna modifica. Mandate a letto bambini e persone facilmente impressionabili.

Come vi anticipavo, i risultati ci sono e si notano anche su pelli come la mia, non particolarmente problematiche (qualche rughetta di espressione, pelle normale tendente al secco, grana leggermente irregolare sulla zona T): la pelle appare immediatamente più luminosa e compatta anche al tatto, la grana viene visibilmente affinata, le piccole linee di espressione attenuate. Si hanno benefici anche nella tonicità del viso, che risulta rassodato senza “cedimenti”. 

Notate la differenza tra la parte destra non ancora oggetto di trattamento e quella sinistra? O notate solo le sopracciglia selvagge, le occhiaie indecenti e il trucco occhi disfatto?

 

Risultato finale su tutto il viso. Chiaramente le occhiaie sono sempre lì e con quelle luci sembro un panda, ma voi non fateci caso. La frangia strategica copre sia le sopracciglia da vergogna sia lo splendido risultato del trattamento sulla fronte. Per il resto, spero che si noti la pelle liscia…

Anche la mia amica ha ottenuto gli stessi risultati, ma non le ho fatto foto per privacy. Fidatevi!

Dopo il ciclo completo i risultati dovrebbero essere duraturi.

Vale la pena?

Nel mio caso, nonostante i risultati positivi del test, ho reputato ancora presto investire 1.800 euro in un trattamento del genere perchè non mi sembra che la mia pelle abbia problematiche tali da giustificare una cifra così alta (per la cronaca, ci compri un lifting viso dal chirurgo e ti avanzano pure soldi!!). Personalmente non farei mai un lifting, neanche in futuro, sono contraria a tutti i tipi di ritocco invasivi, quindi apprezzo il fatto che un macchinario da centro estetico possa farmi ottenere lo stesso risultato, ad esempio, di una blefaroplastica senza usare il bisturi, ma al momento penso di non averne così tanto bisogno. In futuro chissà… 

La mia amica ha fatto lo stesso ragionamento.

E voi che ne pensate di questi trattamenti estetici costosi ma estremamente efficaci? Li fareste? Li avete già fatti?

6 Responses to “Dermal Institute: trattamento viso all’ossigeno attivo”

  1. avatar nella crosiglia ha detto:

    Mi avevano proposto un trattamento non invasivo per il ringiovanimento leggero del viso, ma il tutto non era poi così chiaro al che non ho fatto proprio nulla e mi tengo il mio trattamento di pulizia facciale fatto da una buona estetista e la cosa finisce li.
    Non sono affatto propensa per i trattamenti invasivi ne per il loro risultato e il costo. quindi questi discorsi sono per il momento posticipati.
    Domani?Chissà, ma non penso proprio.
    Bacio serale

  2. avatar Enza ha detto:

    Ciao Pam!
    Buon Anno!

    Io se avessi tanti soldi, non solo farei questo trattamento (con pochi minuti di seduta ti ha fatto venire una pelle meravigliosa, figuriamoci a ciclo completo!),
    ma sarei sempre in istituto a farmi coccolare.
    Io sono pro trattamenti in istituto, purchè siano efficaci.
    Sarà che la mia estetista di fiducia è una mia amica, molto professionale, vedo come lavora e da lei ci andrei almeno una volta a settimana. Minimo!.
    Invece, compatibilmente con le mie possibilità economiche, faccio un po’ di manutenzione periodica a viso e corpo, visto che non sono più una giovincella, e ciò mi consente un mantenimento discreto della mia figura.
    Quindi per me è si (detto come lo direbbe la Maionchi nazionale) 😀

    Un bacio
    Enza

    • avatar Pamela ha detto:

      Tanti auguri anche a te Enza!!
      In effetti i risultati ci sono, probabilmente facendo il ciclo completo sono pure duraturi. Però se avessi tanti soldi da spendere, sicuramente andrei in un altro centro estetico a farli perchè mi sono sembrate molto attaccate ai soldi e poco a instaurare un rapporto duraturo con le clienti.
      Se hai la fortuna di conoscere un’estetista brava, che vive vicino a te (io ne conosco una ma lavora a 80 km da casa mia…) tienitela stretta! Magari un giorno comprerà anche lei un macchinario simile e vedrai che risultati!!! 🙂
      Un bacione! :-*

  3. avatar francimakeup ha detto:

    Ciao Pam in effetti i risultati si vedono eccome però anche io al momento non investirei tutti quei soldi. Peccato per l atteggiamento del personale

RSS feed for comments on this post. And trackBack URL.

Leave a Reply

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti oppure iscriviti senza commentare.

Nail art natalizia gold + bonus + auguri

sabato 30 dicembre 2017

Ciao a tutte,

oggi vi faccio vedere una nail art d’effetto, ma che risulta semplicissima da fare: considerate che, incluso lo “smontaggio” della vecchia nail art, ci ho messo appena 3 ore a fare tutta la ricostruzione, un tempo record mai raggiunto prima.

Ho usato per la seconda volta un gel monofasico credo il migliore mai provato. Poi ho passato due strati di un gel color nude Peggy Sage che non riesco mai ad evitare faccia le strisciate: forse invece che due passate a smalto sarebbe stato meglio farne una ma più abbondante… Inoltre ha il problema che è trasparente e sembra scolorire con il tempo e in punta purtroppo si nota… Peccato perchè è davvero un bel colore!

La particolarità di questa nail art però sta nei frammenti di oro che ho usato e che secondo me, se applicati con moderazione (come sull’anulare), rendono la nail art elegantissima e adatta alle feste.

Voi che ne dite?

Riguardo al bonus, vi mostro la ricostruzione che ho fatto prima di questa, usando sempre lo stesso gel colorato Peggy Sage ma con delle applicazioni in rilievo Essence che mi si sono staccate dopo appena un giorno…  Ecco le foto appena fatte.

Quali vi piacciono di più? A me quelle natalizie, anche se ho abbondato un po’ troppo con l’oro su alcune unghie e in foto risulta così luminoso che sfoca…

Un bacione a tutte e… Buon Anno!! 

 

4 Responses to “Nail art natalizia gold + bonus + auguri”

  1. avatar nella crosiglia ha detto:

    e’ bellissima, ma come tu sai io non ho le unghie adatte poi io non festeggio mai nulla dopo la disgrazia , non so neppure di essere in festa
    M a per te tutto il bene del mondo

  2. avatar francimakeup ha detto:

    Mi piacciono di più le oro. Buon anno!

RSS feed for comments on this post. And trackBack URL.

Leave a Reply

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti oppure iscriviti senza commentare.

[Film] Auguri per la tua morte

giovedì 30 novembre 2017

Ciao a tutti,

tornano a grande richiesta le recensioni dei film. Fra un po’ ricominceranno pure quelle dei telefilm…

Auguri per la tua morte non è un gran titolo, ammettiamolo.  Ma è l’unico neo di questo film. Il titolo in italiano infatti non rende come il titolo originale in inglese (Happy death day, l’opposto di “happy birthday”).

Per il resto il film è davvero piacevole: la critica l’ha paragonato ad un mix fra Ricomincio da capo (film anni Novanta in cui il protagonista rivive sempre lo stesso giorno) e la saga di Scream. A me invece ricorda moltissimo una versione meno demenziale della serie Scream Queens (l’avete vista? volete che ve ne parli?), con i classici stereotipi sui ragazzi americani (ci sono gli sfigati, le ragazze superficiali delle confraternite, quelli con un difficile rapporto con i genitori…) ma non a livelli esasperati come nella famosa serie TV. Il tutto è molto più realistico, anche grazie alla bravura dei giovani attori. 

La trama anche se può sembrare banale, in realtà non lo è e il film scorre bene tra battute divertenti e qualche piccolo salto sulla poltrona, anche se non si tratta di un vero e proprio horror ma più di un thriller-giallo davvero ben fatto e con una degna conclusione.

L’unica cosa che alla fine non viene spiegata chiaramente è il motivo di fondo: come mai si innesca quel meccanismo? Magia, spiriti, divinità, karma…  cosa c’è alla base degli eventi che vengono raccontati nel film? O forse gli autori vogliono lasciar spazio ad un sequel in cui approfondiscono il contesto? Chissà… Per il momento è tutto lasciato alla libera interpretazione dello spettatore, ma ciò non interferisce assolutamente con la trama del film che è comunque autoconclusivo.

Se trovate ancora questo film nelle sale ve lo consiglio, è divertente e originale.

Voto: 8

3 Responses to “[Film] Auguri per la tua morte”

  1. avatar nella crosiglia ha detto:

    Sicuramente il genere mi piace molto anche se non ho mia sentito questa pellicola . L’ho segnata e cercherò di non perderla.
    Grazie per queste tue nuove informazioni mia cara, ti stringo forte e ti auguro una buona notte

RSS feed for comments on this post. And trackBack URL.

Leave a Reply

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti oppure iscriviti senza commentare.

I vuoti e pieni a perdere dell’estate 2017

martedì 21 novembre 2017

Ciao a tutti,

stavolta sono proprio imperdonabile. Vi ho abbandonate per un sacco di tempo (a causa di impegni lavorativi e non) e ora vi rifilo un post lunghissimo…

Parliamo di prodotti finiti e buttati. Ho deciso che questa rubrica avrà cadenza “stagionale” visto che proprio non riesco a pubblicarla ogni mese. Mettetevi comodi perchè la faccenda è lunga…

Vuoti a perdere

ASCET Terre d’Africa Linea Argan Maschera (250 ml)*: ho molto apprezzato questa maschera come tutto il resto della linea. Qui la recensione completa. Voto: 8

ASCET Terre d’Africa Linea Argan Olio (50 ml)*: vedi sopra. Con il tempo ho capito che questo olio era migliore della mia (seppur buona) prima impressione Voto: 9

MATERNATURA Balsamo capelli al meliloto (250 ml): la mia esperienza con questo balsamo è davvero altalenante. E’ la seconda confezione che uso (della prima ne avevo parlato qui) e appena aperta lo adoravo!! Efficace, profumato, dall’inci ottimo. Poi, poco a poco ha iniziato a non essere più tanto districante, al punto che ogni volta dovevo aumentare la dose di prodotto utilizzata. L’ho finito sforzandomi tanto e usandone quantità industriali. Per fortuna non appesantiva nè ingrassava i capelli. Voto: 6

LANCOME Tonique Douceur (400 ml): me l’ha regalato mia mamma che proprio il tonico non riesce a farselo piacere… Al contrario di me che invece lo adoro!! Questo tonico nonostante fosse vecchissimo, non era affatto male: non mi ha fatto reazione, non bruciava, era delicato nel contorno occhi. Sarebbe stato il top se solo non avesse avuto quel terribile odore di chimico, che alla fine uno si abitua, ma resta pur sempre poco piacevole. Voto: 7

SUKIN Micellar Cleansing Water (250 ml): acqua micellare di marca australiana bio a me sconosciuta, comprata al Cosmoprof per pochi spiccioli. Devo dire che mi aspettavo di meglio. Sa di mandorla nonostante fra gli ingredienti non ci sia niente che gli somigli neanche lontanamente. Misteri degli inci…  All’inizio poi, il suo odore era molto pungente, quasi acido, nel tempo è migliorata (o, al solito, mi sono abituata io). Come efficacia era mediocre: non struccava benissimo e se sfregavo un po’ di più mi ritrovavo il contorno occhi in fiamme!! Per fortuna se entrava negli occhi invece non succedeva niente. Non la ricomprerei. Ho altri prodotti di questo brand, vediamo come si comportano… L’acqua micellare intanto è bocciata. Voto: 5

ORGANIC SHOP Bath Foam Organic Clay Sage & Orchid (500 ml): bagnoschiuma bio di una marca russa ricevuto al Cosmoprof e usato anche da mio marito. Non male, il suo dovere lo fa e il profumo delicato lo rende unisex. Non è aggressivo, fa abbastanza schiuma e l’inci è ottimo. Però… non so perchè ma mi aspettavo di più. Avete presente quando un prodotto non ha “personalità”? Ecco, l’ho trovato anonimo. Buono ma anonimo e se lo trovassi in Italia non so se lo comprerei. Voto: 7

AVENE Acqua termale (300 ml): era lì da anni perchè io e l’acqua termale non siamo mai state amiche. Non sapevo come usarla e a dire la verità la trovavo un po’ inutile all’inizio. Poi ho iniziato a sperimentare degli usi alternativi di questo prodotto (tipo pulire il Travalo dai residui di profumo) e finalmente il suo livello è sceso. Ho faticato comunque a finirla anche perchè l’erogatore probabilmente si era rotto e durante l’uso perdeva acqua ai lati. Ho altri prodotti simili che penso userò sempre negli stessi modi (in genere non sopporto di vaporizzarmi acqua sul viso, anche se un paio di volte con il caldo di quest’estate l’ho fatto e non mi è dispiaciuto…), poi non credo che la ricomprerò più. Voto: 5

LANCOME Rénergie Lift Multiaction Crema viso (15 ml): considerato che quando l’ho finita era scaduta da un anno e nonostante questo non mi ha fatto male, il mio voto per questa crema è più che positivo. Questa minitaglia faceva parte di un kit omaggio ricevuto con un acquisto da Macy’s qualche anno fa. E’ finita nel beauty da viaggio anche grazie alla presenza di un fattore di protezione che, seppur basso, è sempre gradito e me l’ha fatta scegliere per le mie ultime vacanze al mare in Florida e Bahamas. Crema molto ricca, ma non grassa, adatta alle pelli normali, secche e anche a quelle non più giovanissime come la mia (eh sì, amiche care, devo darvi una brutta notizia: non ho più 18 anni!!). Per le pelli mature forse è un po’ troppo leggera e per quelle estremamente grasse troppo ricca. Voto: 9

 

CRESPI Minitaglie bagnoschiuma Arancio e Cannella, Vaniglia e Fiori d’arancio, Pompelmo rosa, Rosa e Fico (4 x 50 ml): chi di voi non conosce le candele e i profumatori per ambienti Crespi? Sapevate che esiste anche una linea di cosmetici (bagnoschiuma, sapone per le mani e credo crema corpo) con le stesse profumazioni? I prezzi mi sembrano un po’ altini, se non li avessi trovati scontati su Groupalia qualche mese fa non avrei mai preso niente di questo brand a prezzo pieno. Quello che ho finito era un kit di minitaglie di bagnoschiuma profumati ricevuto in omaggio con altri acquisti che avevo fatto. Mi sono piaciuti: profumazioni intense e buone, delicati sulla pelle, inci ottimi. Non li comprerei a causa del loro prezzo elevato. Voto: 7

SCENIC MILANO Shampoo anticaduta (500 ml): stessa marca professionale dello shampoo idratante che avevo finito poco tempo fa e che non mi era piaciuto (a mio marito sì). Spesso non bisogna giudicare un brand da un prodotto solo, me lo ripeto sempre, è per questo che dopo decine di prodotti provati sto ancora cercando di capire perchè tutte adorano MUFE e a me ancora nessun prodotto mi ha colpita…  In questo caso, invece, la versione anticaduta dello shampoo mi è piaciuta davvero tanto a differenza del suo predecessore. Nessun prurito, irritazione e forfora, i capelli restano puliti a lungo ma senza seccarsi. Effettivamente nei periodi di cambio stagione non aggrava la caduta. Il meglio di sè lo dà abbinato ad un qualsiasi balsamo. Apprezzato anche dal marito, ha un ottimo rapporto qualità prezzo. L’unico problema è forse la reperibilità, visto che si tratta di un prodotto professionale da parrucchiere ed io l’ho comprato in un negozio specializzato. Inci ovviamente non verde. Voto: 8

SEPHORA Cotton fioc correttori makeup (30 pz): seconda confezione finita. Ne avevo già parlato qui. Voto: 9

DERMASTIR CAVIAR Sun Protection SPF 50+ (50 ml): crema viso con fattore di protezione altissimo acquistata qualche anno fa al Cosmoprof con sconto fiera e usata solo in estate. Mi è durata 3 estati. Nonostante il fattore alto, non era pesante sul viso. L’erogatore airless mi ha consentito di usarla tutta senza che andasse a male. Interessante, ma essendo un brand da centro estetico, a prezzo pieno è un po’ troppo costosa. Voto: 8

BIELENDA Acqua micellare Insta Perfect Matt & Clear (200 ml): brand polacco low cost che ha anche una linea per centri estetici. L’acqua micellare per me è un must, quindi il mio giudizio sarà un po’ di parte, ma mi è piaciuta. Il profumo fruttato, in primis. Poi è anche efficace, ma bisogna usarne una quantità abbondante, pensate che non mi è durata neanche due mesi usandola solo la sera… Dulcis in fundo, non brucia gli occhi. Voto: 8

DEPILZERO Strisce depilatorie zone delicate (24 pezzi): dopo anni ho finito queste strisce depilatorie in tessuto per zone delicate. Le ho usate solo nella zona del baffetto e mi sono trovata abbastanza bene anche se bisogna fare attenzione a non tirarle con troppa forza perchè potrebbero irritare. Io dopo usavo sempre le salviette incluse, ma alla fine ho scoperto che ottenevo lo stesso effetto con dell’olio di oliva (a parte che poi per due ore ti sembra di abitare in un frantoio!!). Ne ho di altre marche, ma non nego di voler ricomprare queste se non trovo di meglio. Voto: 7

THE BODY SHOP Rainforest Moisture Conditioner (60 ml): comprato l’anno scorso a Tenerife quando avevo finito improvvisamente il balsamo. Mi ricordava quella vacanza e mi dispiaceva quasi usarlo. Poi quando qualche mese fa l’ho annusato di nuovo ho scoperto che il profumo paradisiaco di frutta tropicale si stava trasformando in odore sgradevole. L’ho finito in quattro e quattr’otto (si scriverà così??). Non era male, districava abbastanza e lasciava capelli profumatissimi (almeno all’inizio). Non nego di volerlo ricomprare. Voto: 8

HERBORIST Contorno occhi Time Reverse (5 ml): crema viso e contorno occhi del kit scoperta di Herborist mi sono piaciuti molto, ma le maschere proprio non mi ricordo di farle… Il contorno occhi era leggermente oleoso ma si asciugava in fretta (ho gli occhi secchi) ed era ottimo anche sotto il trucco. Potrei valutare l’acquisto della full size se solo non ne avessi molti altri in casa ancora chiusi. Voto: 8

BOTTEGA VERDE Sweet Christmas Crema mani Melograno e Vaniglia (75 ml): mi era stata regalata a Natale da una collega ed è rimasta sempre nella mia scrivania, portandomela dietro in tutti i cambi di ufficio. Il profumo era delizioso, ma era l’unico aspetto positivo. Per contro, la consistenza era un po’ troppo siliconica, dovevo stare attenta a non abbondare altrimenti ungevo tastiera e mouse, ma per assurdo non era molto idratante. Insomma una crema d’emergenza, non di più. Finirla è stato un sollievo. Voto: 4

HIMALAYA HERBALS Daily Face Wash (15 ml): detergente scrub che non dovrebbe essere molto adatto alla mia pelle, invece mi ci sono trovata bene anche usandolo tutti i giorni. L’ho finito in vacanza e l’ho preferito al suo cugino al neem. Voto: 8

BIOTHERM Biosource Instant Hydration Softening Lotion Dry Skin (100 ml): anche questo faceva parte di un kit e mi è piaciuto (come quasi tutti i tonici al mondo del resto…) Profumo delicato, non bruciava gli occhi, toglieva tutti i residui di trucco dopo l’acqua micellare. Voto: 8

HUMAN+KIND Shampoo + Bodywash All Hair Types al Pompelmo (250 ml): a Minorca ero in appartamento e non in hotel per cui ho dovuto portare tutto l’occorrente per fare doccia e lavare i capelli. Per ottimizzare spazio in valigia, ho deciso di portare un unico prodotto che andasse bene sia a me che a mio marito e che fosse sia docciaschiuma che shampoo. Mi sono lanciata sul docciashampoo per tutti i tipi di pelli e capelli di Human+Kind e mi sono trovata benissimo! Ottima profumazione, confezione pratica, non secca la pelle o i capelli ed è adatto ad un uso quotidiano. Ovviamente in una settimana non è finito nonostante i litri consumati da mio marito e l’abbiamo usato anche al nostro ritorno a casa per un bel po’. Personalmente preferisco l’uso come docciaschiuma, ma solo perchè come ormai ben sapete i miei capelli sono antipatici, ma devo dire che ha passato anche la prova shampoo a pieni voti. Mio marito lo adora. Voto: 9

Pieni a perdere

L’OCCITANE Burro di karitè 100% (8 ml): è stato la mia salvezza per anni per le labbra secche. Era una piccola jar di alluminio di burro di karitè puro al 100%, il cui costo (che non ricordo) forse era spropositato rispetto a quello che è, ma mi è durata molto e alla fine non sono riuscita nemmeno a finirla prima che iniziasse a puzzare. Comunque per le labbra preferisco i prodotti in stick a quelli in cui bisogna usare le mani, che trovo poco pratici da portare in giro. Voto: 7

DEBORAH Gel calcio nutriente (8,5 ml): nonostante fino all’età di 20 anni fossi una mangiatrice incallita di unghie, da quando ho smesso non posso dire di avere delle unghie che ne hanno risentito più di tanto. Mi ritengo fortunata.  L’unico problema vero è che ogni volta che metto lo smalto, dopo mi ritrovo sempre unghie indebolite, che si sfaldano e si spezzano anche a metà unghia, nella parte attaccata al letto ungueale. Solo ora ho capito che il problema non è tanto lo smalto, quanto piuttosto i solventi (soprattutto quelli con acetone) che usavo per toglierlo. Per porre rimedio a questo fastidioso problema, ho provato diverse basi rinforzanti, con scarsi risultati. A quanto si dice infatti quelle più efficaci contengono formaldeide, ma sebbene in minima quantità, ho sempre voluto evitare di entrare in contatto (volontariamente almeno!) con sostanze dannose. Il gel nutriente in questione non la conteneva ed era ottimo! Funzionava davvero, le unghie erano più forti e si scheggiavano meno. Peccato solo che non fosse una valida base, quindi o mettevo questo gel trasparente o uno smalto colorato… Ovviamente con il gel trasparente si vedevano tutti i difetti delle unghie e non mi andava di andare in giro così per cui mi ritrovavo sempre a colorarle e usare solventi ogni settimana aggravando il problema… Quando per un periodo ho deciso di usare questo gel e non più smalti colorati le unghie sono migliorate notevolmente. Poi ho iniziato la ricostruzione e le unghie hanno smesso di spezzarsi, ma durante l’ultima pausa, ho ripreso in mano questo prodotto trovandolo purtroppo troppo secco per essere applicato decentemente. Voto: 7

ELF Liquid Eyeshadow Sultry Satin e Misty Mauve (6 ml): erano in panchina da qualche anno, uno aperto l’altro no, ma erano comunque secchi entrambi. Penso che fossero così già quando li comprai. Voto: 2

ELF Eyeshadow Kit Dark (1,4 gr + 2,3 gr): non era male questo kit per sopracciglia formato da una parte in cera e una in polvere pressata, solo che dopo che la finestrella in plastica trasparente si era scollata, ha iniziato a puzzare la parte cremosa. Dal costo irrisorio, l’ho eliminato anche perchè non uso molti prodotti per sopracciglia (e so che dovrei…). Voto: 8

ELF Cream Eyeliner viola: secco ma giustificato dall’età. All’inizio l’ho usato un po’ di volte con il pennellino angolato in dotazione e devo dire che per quel prezzo non potevo pretendere di più. Voto: 6

ESSENCE Snow Jam Eyeshadow Sorbet n.2 (4,5 gr): comprato 3/4 anni fa e mai usato, quando l’ho aperto l’altro giorno ho scoperto che si era asciugato ed era diventato come gommoso anzichè in mousse. Forse era stato aperto in negozio prima che lo acquistassi e aveva preso aria. Peccato perchè il colore mi piaceva tantissimo!!  Credo facesse parte di un’edizione limitata. Voto: 6

JYB Eye Contour Anti Aging Balm (25 ml): purtroppo non ho potuto usare questo contorno occhi perchè puzza tremendamente di… cose non belle. E’ strano, l’avevo comprato l’anno scorso al Cosmoprof e non l’avevo ancora aperto, oltretutto la confezione è con un erogatore a pompetta sigillato e sottovuoto (un po’ di aria era comunque presente perchè ci ho messo un po’ a far uscire il prodotto la prima volta). Considerato che mi avevano dato anche un campioncino che ha lo stesso odore, le cose sono due: o sono andati a male entrambi o (più difficile) il loro odore caratteristico è di… fogna a cielo aperto.  Per sicurezza ho deciso di buttarlo via anche se non ho avuto effetti collaterali dopo qualche utilizzo. Peccato perchè il prodotto sembrava promettente e il packaging carino e funzionale. Voto: 4

TOO FACED Glamour Gloss Barely Legal (3,6 ml): vecchissimo gloss trovato nel kit Look of Love. L’avevo comprato quando ancora usavo i gloss, secoli or sono… Inizialmente aveva un buon profumo di vaniglia, non appiccicava, non colava, ma il colore era troppo chiaro per me. Per essere un gloss non era male, ma penso si veda anche dalla foto che adesso ha cambiato colore e una parte è diventata gialla… Non aggiungo altro.  Voto: 7

EVAGARDEN Mascara Aquaproof Turquoise (8 ml): quando uscì un paio di anni fa la linea Evagarden con i mascara colorati waterproof, ne fui folgorata al punto che al Cosmoprof, visto che erano finiti, chiesi se potevo comprare quello che avevano usato durante la giornata come tester . Così tornai a casa soddisfatta con il mio mascara colorato waterproof. Purtroppo però a distanza di qualche mese e dopo una decina di utilizzi, il tappo ha iniziato a rompersi e nonostante lo scotch non riuscivo a chiuderlo benissimo. Era la prima volta che mi capitava, credo che ciò sia dovuto alla scarsa qualità del packaging perchè ogni volta che tentavo di utilizzarlo mi si spaccava in mano un altro pezzo. Riguardo al mascara invece, ha due aspetti, uno positivo e uno negativo: quello positivo è che è waterproof, quello negativo è che è… waterproof!!  Non è una svista: è ottimo che sia waterproof perchè resta lì per tutto il giorno, mentre è un dramma la sera quando vai a struccarti perchè anche con un bifasico o un olio si fa fatica a toglierlo causando spesso un po’ di irritazione nel contorno occhi. Il colore in compenso era evidente e acceso. Ancora non è completamente secco, ma ogni volta che lo apro è poi un problema richiuderlo… Comunque dopo anni ancora mi chiedo: perchè compravo mascara waterproof se al mare ormai ci vado se va bene 2 settimane ogni estate? Mistero…  Voto: 5

 

GLOSSYBOX Rossetto: “Ops…”, è l’unica parola che posso scrivere qui tra quelle uscite dalla mia bocca quando a Minorca ho aperto questo rossetto e la parte interna è schizzata via staccandosi dalla confezione e rischiando di sporcare mezzo appartamento . Per fortuna ne ho un altro identico ancora integro. Il colore e la resa non erano male. Era morbido sulle labbra e peccava un po’ in durata (dopo una cena svaniva del tutto) ma non era di bassa qualità. Il packaging però a quanto pare era scarso altrimenti non si sarebbe suicidato spiaccicandosi per terra… Voto: 7

PEGGY SAGE Spugnetta fondotinta: copia economica (ma comunque di marca) della ancor più famosa spugnetta per il make-up Beauty Blender che ho nel cassetto ancora nuova perchè mi dispiace usarla… Sinceramente questa non mi è piaciuta più di tanto… Il fatto che fosse rimasta macchiata nonostante la lavassi dopo ogni utilizzo (con notevole perdita di tempo…) me l’ha fatta odiare da subito. L’ho accantonata per un po’ di mesi, poi l’ho ripresa in mano perchè comunque mi piace l’effetto naturale che ottengo nella stesura del fondotinta anche se ne occorre una tonnellata ogni volta. Insomma, sì, c’è tanto spreco di prodotto, ma si può rimediare, se non si necessita di molta coprenza, spalmando prima il fondo con le dita e poi sfumandolo con la spugnetta. Così si ottiene una coprenza più bassa, un effetto più naturale, meno spreco di prodotto, ma una perdita maggiore di tempo la mattina quando sei in ritardo… Insomma non mi ha convinta. In più ora si inizia a sgretolare. Spero che la Beauty Blender originale sia migliore… Voto: 5

Ed eccoci alla fine.

Abbiamo prodotti in comune? In caso, come vi siete trovate? Siete rimasta sveglie fino alla fine del post? 

* I prodotti con l’asterisco mi sono stati gentilmente offerti dall’azienda per testarli. La mia opinione a riguardo è sincera e rispecchia l’esperienza che ho avuto con il prodotto. Non ho ricevuto alcun compenso nè sono stata obbligata a parlare del prodotto.

5 Responses to “I vuoti e pieni a perdere dell’estate 2017”

  1. avatar nella crosiglia ha detto:

    Quante cose meravigliose come mio piacerebbe averle tutte..
    ma bisogna sempre credere nei sogni..
    Bacio serale

  2. avatar francimakeup ha detto:

    Anche io avevo provato l’ eyeliner nero Elf e non mi era dispiaciuto anche il pennellino non era male

  3. Anche io avevo uno degli Snow Jam Eyeshadow Sorbet…e ha fatto la stessa fine del tuo XD

RSS feed for comments on this post. And trackBack URL.

Leave a Reply

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti oppure iscriviti senza commentare.

Nail art autunno/inverno 2017

lunedì 2 ottobre 2017

Ciao a tutte,

dopo tanto tempo finalmente sono tornata, e lo faccio con un titolo che sembra appena uscito dalle riviste di moda di 30 anni fa… Perdonatemi, ma sono fuori allenamento e non mi è venuto in mente niente di meglio…

Avrei voluto pubblicare prima il post dei terminati, ma non ho fatto in tempo perchè sono stata una settimana a Minorca a riposarmi delle fatiche di un agosto da sola in ufficio con oltre 40°. Ma non mi lamento, la prospettiva di questa settimana di ferie era quello a cui pensavo durante le giornate afose e le grane al lavoro… Peccato solo che il tempo sia stato così così e non tutti i giorni siamo potuti andare in spiaggia.

Ma torniamo a noi.

Il tempo è tiranno, come diceva qualcuno, e io mi sono imbarcata in molti progetti che sto portando avanti anche se con non poca fatica (il blog e Cosmetiamo solo per citare quelli online). Questo mi porta a trascurare un po’ alcune attività a cui in passato dedicavo più tempo, tipo la ricostruzione unghie, che da imbranata quale sono, mi impegnava per diverse ore ogni volta. Ora non posso più permettermi di perdere un pomeriggio intero per la ricostruzione, anche se la faccio una volta al mese, per questo motivo era da diverso tempo che non mi cimentavo più in questa attività.

Prima di andare in ferie il mese scorso, ho voluto riprendere a farmela, ma ho usato un primer Laif probabilmente scarso (strano, mi sono trovata sempre bene con questa marca e appena l’ho visto al Cosmoprof l’ho subito comprato) ed ero in un momento di assenza di fantasia, quindi mi sono limitata a una french con un paio di tristi decorazioni fatte con lo stamping. Il risultato: dopo 2 giorni il gel iniziava a staccarsi dall’unghia. Dopo un paio di settimane su tutte le unghie c’erano problemi di aderenza e il gel in punta si frantumava con facilità. Dovevo assolutamente toglierle entro qualche giorno e rifare qualcosa di decente, ma impiegandoci poco tempo: impossibile per me, pensavo.

Invece un paio di settimane fa, una sera subito dopo cena, in poco più di 3 ore sono riuscita a:

Il risultato ha sbalordito anche me.

L’onicotecnica della Semilac al Cosmoprof mi aveva spiegato il funzionamento di queste polveri mostrandomi una bellissima tip fatta da lei, ma non avrei mai pensato di essere in grado di farlo venire anche lontanamente simili. Invece vagamente (molto vagamente…) lo ricorda.

Sto parlando di questo:

So che si può fare di meglio, soprattutto con il pennello giusto, ma mi reputo comunque soddisfatta.

A distanza di due settimane, la ricostruzione sembra quasi appena fatta. Ho ancora qualche problema di aderenza in punta, ma ciò è dovuto anche allo spessore minimo della bombatura e al fatto che manca il sigillante perchè sopra al colore ho dovuto mettere direttamente il top coat. Niente di preoccupante comunque. Direi che dovrebbero reggere ancora un altro paio di settimane, poi ad ogni modo le toglierò perchè con i colori scuri si vede prima la ricrescita rispetto alla french.

Voi che ne pensate? Non la trovate elegante e adatta all’autunno appena arrivato?

6 Responses to “Nail art autunno/inverno 2017”

  1. avatar nella crosiglia ha detto:

    Mia adorabile amica, sono la meno adatta per parlare di unghie.
    Fin da piccola mio padre che era chirurgo, ci insegnava a tenerle cortissime e io ancora oggi, sicuramente non più bimba , ho le unghie da ragazzo. Spesso mento uno smalto trasparente e curo le cuticole( per modo id dire…)
    Quindi la persona meno adatta a parlare di questo argomento.
    Non potrei vedermi ne con unghie lunghe o colorate, chissà poi perchè?!
    Bacione amica cara

    • avatar Pamela ha detto:

      Ciao Nella,
      io invece (come si può vedere dalle foto) non curo praticamente per niente le cuticole!!
      E’ normale che ormai non ti sai vedere con le unghie colorate, se non le hai mai portate e ti è stato insegnato a tenerle corte da piccola… Pensa che io invece da piccola me le mangiavo parecchio, poi a 20 anni per colpa di un ragazzo ho smesso improvvisamente. E pensare che non era nemmeno il mio fidanzato e poi dopo qualche mese ci siamo persi di vista e non so più che fine abbia fatto… E’ strana la vita!
      Un bacione anche a te!

  2. avatar makeupnonsolo ha detto:

    Molto bella!! complimenti…io non saprei nemmeno da dove iniziare!

  3. avatar francimakeup ha detto:

    Io con le unghie sono una frana quindi ammiro chi riesce a ottenere dei risultati. Mi piacciono moltissimo

RSS feed for comments on this post. And trackBack URL.

Leave a Reply

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti oppure iscriviti senza commentare.