Acquisti a Tenerife

lunedì 5 dicembre 2016

Ciao a tutte,

ecco, arriva Natale e io vi parlo delle mie vacanze al mare di settembre…

Il tempismo non sembra proprio il mio forte, ma stavolta posso giustificarmi dicendo che non vi parlerò di sole, spiagge e mare, ma degli acquisti di makeup fatti, da cui magari potete prendere spunto per qualche regalo di Natale (lo so, lo so che mi sto arrampicando sugli specchi, voi fate finta di niente e ignorate come al solito il mio ritardo colossale…d272).

Intanto questa è la foto fatta al mio ritorno ai nuovi giochi:

acquisti-tenerife

Chi mi conosce o mi segue da un po’ avrà appena pensato che ho sbagliato foto ed ho pubblicato quella di un solo acquisto invece della somma di un’intera vacanza.

Invece no, quella è la foto totale.

Perchè??? Sono diventata forse più responsabile quando si tratta di comprare il superfluo??a127

Non ci sperate, è stato solo per una serie di fattori e “l’aumento della mia coscienziosità sugli acquisti makeupposi” non è fra questi.a074

In primis, è stata diretta conseguenza del fattore che guardo per primo quando sono all’estero: il prezzo. A Tenerife non tutto è economico. Sephora per esempio è più cara che in Italia, infatti lì non ho comprato niente nonostante ci fossero brand introvabili da noi.

Detto questo, ho apprezzato molto i consigli ricevuti sulla pagina Facebook (grazie Hermosa, davvero!a095), ma sinceramente ho riflettuto e spendere 40/50 euro per un rossetto, beh, non me la sono sentita soprattutto in questo momento con un mutuo fresco fresco e le spese non ancora finite per la casa nuova. Mentre scrivo mi sto rendendo conto che questa è forse la dimostrazione che sto diventando più responsabile negli acquisti, esattamente il contrario di quello che ho scritto 3 frasi più sopra. #coerenza a101

Un’altra cosa che mi ha fatto desistere dal comprare mezza isola è stata la scelta dei prodotti: a parte quei 3/4 brand da Sephora introvabili da noi e altrettanti in un centro commerciale vicino all’hotel, non ci sono “originalità” fra una profumeria e l’altra e neppure rispetto all’Italia. Se poi contate che gli stessi prodotti li pagate meno qui da noi se sfruttate qualche sconto evitando pure di appesantire la valigia del ritorno, capite bene che ho pensato non ne valesse proprio la pena.

Ma qualcosa ci è finito lo stesso nella valigia.a110

L’acquisto indispensabile

Il set Biotherm con la crema viso e le travel size di detergente viso e tonico è stato un acquisto obbligato quando 2 giorni prima di partire ho finito il tonico. Portare quantità di prodotti in viaggio “misurati” può causare questo tipo di problemi: sbagli i calcoli e li finisci prima del previsto. Ma se siete compulsive negli acquisti cosmetici come me, questo non è un problema ma una scusa un’opportunità per comprare nuove cosucce… a133

Per il momento ho usato solo il tonico durante i miei viaggi e weekend fuori casa e mi è piaciuto. Potrei ricomprarlo in full size una volta finiti tutti quelli che ho…

La botta di cu…ore

Le cose belle sono tutte in edizione limitata. Detto così sembra un’appendice della legge di Murpy, ma è la cruda verità. a094A Tenerife però si può avere la fortuna non solo di trovare alcuni prodotti di vecchie limited edition cosmetiche, ma di poterli comprare anche a prezzi ridotti. E’ quello che è successo con il blush illuminante Guerlain Terracotta Blush Sun Shimmer Highlighter nel colore 02 Sunny Pink.

Non è stato colpo di fulmine, infatti l’ho comprato l’ultimo giorno prima di partire dopo essere passata 3 volte nel negozio durante la vacanza, ma è stato forse uno degli acquisti più interessanti.

Il fatto è che avevo preso una scottatura l’anno scorso con le Meteorites (30 euro e quando le uso sembro un vampiro di Twilight al sole…disco) e tornare su Guerlain mi spaventava un po’, soprattutto senza poter provare il prodotto per assenza di tester… ma alla fine l’ho preso ed ho fatto bene.

La consistenza è setosa ed il colore è costruibile. Risulta rosa/dorato ma dà quel tocco di luminosità naturale senza sbrilluccichii. Io preferisco non abbondare, ma quando esagero (a volte può capitare…) basta un filo di cipria in più e tutto si risolve.

Tornassi indietro… lo ricomprerei comunque e lo consiglierei anche a voi, ma ormai è fuori produzione ovunque!!a057

La sorpresa

Chi l’avrebbe mai detto che un ombretto Clarins brand che ho sempre snobbato allegramente pensando fosse troppo “classico”, mi sarebbe piaciuto così tanto?a184

Dal momento che l’ho comprato, l’ho usato per tutto il resto della vacanza.

Si tratta di un Ombre Iridescent nel colore 05 Silver Pink. E’ un ombretto che dovrebbe essere in crema ma in realtà ha la consistenza di una polvere compatta. E’ shimmer, ma non brilla eccessivamente e i microglitter presenti non svolazzano quasi per niente.

Stavo per comprarne anche uno più scuro ma poi ho pensato che lo avrei sfruttato poco e mi sono trattenuta. Penso di aver fatto bene perchè anche questo rosa pesca con riflessi argento (definizione del colore da prendere con le pinze per via del mio ormai noto daltonismo che lì sull’isola me lo aveva fatto vedere come un rosa lilla chiaro…a263) è molto pigmentato ed evidente, sebbene delicato ed elegante.

Il salvavacanza

Vi è mai capitato di andare in vacanza e dimenticare il prodotto che vi consente di uscire dall’hotel senza sembrare una pazza che ha appena preso la scossa?? a193Ecco, l’anno scorso eravamo in una suite e il balsamo era fra i sample forniti dall’hotel, quindi quest’anno ho deciso di non portarlo. Peccato che stavolta non abbiamo avuto l’upgrade (causa concerto di Ricky Martin che qui è considerato tipo un eroe nazionale anche se non è spagnolo) per cui nel bagno della camera c’era a malapena il docciashampoo . Urgeva un rimedio e l’ho trovato in un centro commerciale: una minitaglia di balsamo Idratante Rainforest di The Body Shop. Il profumo è buonissimo, ma essendo naturale, sui miei capelli è poco efficace… In vacanza però andava bene: lasciavo spesso i capelli mossi naturali e lui controllava bene il crespo lasciando delle meravigliose onde (odiatissime dalla sottoscritta, ma che piacciono al resto del mondo…).

L’acquisto al buio

Pensare di comprare un colore e ritrovarsene uno diverso quando lo si applica… questo mi è successo con la matita automatica Chanel Stylo Yeux Waterproof nel colore Bleu Metallique. Era l’ultima, in saldo, senza ovviamente tester. Era un prendere o lasciare. a013L’ho presa pensando di usarla per sostituire una vecchia matita Bionike quasi finita. Poi una volta a casa mi sono accorta che una volta applicata non c’azzecca proprio niente nè con la matita che già ho nè con il colore della mina stessa: la Bionike è un cartazucchero opaco e piuttosto spento, la Chanel è un petrolio che però sull’occhio tende più al blu che al verde e brilla come se avesse dei microglitter (e magari ce li ha pure, ma non li ho visti…). Per il momento mi piace, ma non ho avuto finora molte occasioni in cui usarla… Inoltre mi sono accorta che non ho risparmiato molto rispetto a quanto costa qui…i061 In compenso, pure questa è al momento fuori produzione.

Il profumo Givency e la crema corpo Rituals sono ancora da aprire, ma dai tester che ho provato nei negozi, ho grandi aspettative per loro…

Se volete informazioni più in dettaglio su qualche prodotto, non avete che da chiedere!

Voi che ne pensate del turismo cosmetico? Avete mai provato qualcosa di quello che ho comprato? Mi perdonate per i miei ritardi cronici sul blog se vi dico che sono per un valido motivo?a043

4 Responses to “Acquisti a Tenerife”

  1. avatar nella scrive:

    Ma guarda la mia adorabile Pam che anche in vacanza lavora per noi..insuperabile e poi ci hai proprio mostrato il cestino delle meraviglie..
    In effetti la scelta dei tuoi prodotti è talmente varia che personalmente mi mette in imbarazzo su cosa scegliere e cosa scartare.
    Leggerò con più attenzione per vedere cosa posso permettermi curiosando..
    Un bacio della buona notte

    • avatar Pamela scrive:

      Ciao Nella,
      Purtroppo alcuni prodotti fra quelli che ho preso fanno parte di vecchie edizioni limitate (il blush illuminante Guerlain), altri sono fuori produzione (la matita occhi Chanel) e alcuni sono di difficile reperibilità in Italia (la crema corpo Rituals).
      Insomma, se non li avessi trovati lì forse non li avrei mai visti… I prodotti Clarins e Biotherm si trovano anche da noi e se li trovi magari puoi farci un pensierino…
      Ti auguro una buona giornata!

  2. avatar francimakeup scrive:

    A me Clarins piace come brand, quello che ho provato mi ha sempre soddisfatta e poi adoro le profumazioni delle creme

RSS feed for comments on this post. And trackBack URL.

Leave a Reply

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti oppure iscriviti senza commentare.

TAG: La musica della tua vita!

venerdì 18 novembre 2016

musicaCiao a tutti,

scusate se non sono molto attiva sul blog, ma altri impegni (tra cui una ritrovata vita sociale ed il mio famoso progetto che si sta concretizzando ma che aveva subito rallentamenti nell’ultimo periodo…) mi hanno rubato più tempo del previsto… a054

Vediamo se almeno riesco a mettermi in pari con i vostri tag…

Oggi tocca ad un tag musicale, perchè sono stata nominata giusto un anno fa dalla cara Spendina del blog Spendi&Spandi. Eh sì, il tempismo non è il mio forte…

bianconiglio

Le regole per partecipare al tag sono:
  • nominare il blog di partenza, che è The MasterPeach;
  • rispondere alle domande;
  • nominare e avvisare cinque blogger.

1) La vostra sigla preferita di un cartone animato?

Da piccola ogni anno a Natale ricevevo sempre da Babbo Natale o dalla Befana l’ultima Fivelandia appena uscita, quindi questo vi dovrebbe far capire quanto è difficile per me rispondere a questa domanda. Dopo tanto riflettere, ne devo menzionare almeno due: L’incantevole Creamy e Pollon Combinaguai, senza nulla togliere a tutte le altre…

2) Canzone preferita della vostra band?

Qui mi sa che cado in piedi restando sull’attuale e dico senza alcun dubbio Do or Die dei 30 Seconds to Mars. No, mica è per il cantante bono, altrimenti avrei detto gli U2… d272A parte la battuta da dodicenne, un po’ è proprio per quel bonazzo di Jared! (aspettatemi qui, vado ad hakerare il pc di mio marito per impedirgli di leggere questo posth085)

3) Colonna sonora dell’estate preferita?

Dammi tre parole, sole cuore amore… Ve la ricordate? Ecco, anche se era molto infantile e ti entrava in testa come un trapano perchè la sentivi ovunque, io la associo alla prima “vacanza” fatta con mio marito quando eravamo ancora fidanzati e mi fa venire in mente l’estate, Riccione, le discoteche, l’Acquafan, le strade sperdute nelle montagne per risparmiare i pedaggi, l’aria condizionata a manetta, i ponti pericolanti che il gps si divertiva a farci attraversare, la spensieratezza e l’incoscienza, cose che solo a 23 anni sembrano avere importanza, ma che invece dovremmo ricordarci sempre…

4) Una canzone che vi fa divertire?

Il Gioca Jouer, senza alcun dubbio! Grande Cecchetto!a049

5) Una canzone che vi fa riflettere?

Il solito sesso di Max Gazzè. Si tratta di una canzone particolare, che a me fa riflettere sempre quando la ascolto perchè non la capisco: già le “storie di una sera” per me sono inconcepibili (non ce la faccio proprio a capirne il senso!a013), poi se ascoltiamo bene il testo di questa canzone, ci aggiungiamo che lei è già impegnata ma non reagisce alla dichiarazione d’amore così profonda che le fa al telefono il semi-sconosciuto con cui poco prima ha tradito il fidanzato… Ecco, vado proprio in confusione. a026 Insomma… in una situazione del genere, appena capisci chi è al telefono, o gli riattacchi e cambi numero o ti sciogli a quelle parole e gli rispondi che molli il tuo compagno per scappare insieme a lui. Mica aspetti la fine della canzone!!a005

6) Colonna sonora preferita di un film?

Armageddon. Era un periodo in cui stavo riprendendo in mano la mia vita e quel film mi ha aiutata molto. Ero così in fissa con quella colonna sonora che all’epoca mi feci fare pure la copia su cd da un amico (erano appena usciti i primi masterizzatori per pc…) ancora prima di vedere il film.

7) La canzone della vostra infanzia?

Credo che mia mamma abbia ancora da qualche parte le registrazioni audio di una Pam in fasce che veniva iniziata al canto con un “…e vola vola si va…” ovvero il ritornello di Sarà perchè ti amo dei Ricchi e Poveri. E io puntualmente quando vedevo le “ote che gihano” (tradotto per chi non parla la mia lingua: “le ruote che girano” che sarebbe stato il registratore che faceva scorrere il nastro della cassetta mentre registrava) smettevo di cantare e chiedevo di fermarle perchè mi vergognavo quando risentivo la mia voce. All’epoca la normativa sulla privacy non c’era, ma io ero già un pezzo avanti e pretendevo di non essere registrata senza consenso…a240

8) La canzone con cui scaricate l’ansia?

Se ho bisogno di calmarmi ed emozionarmi, allora ascolto l’unica canzone di musica classica che adoro, Canon di Pachelbel. E che mi commuove pure un po’. a121

Se invece ho bisogno di scaricare rabbia e tensione accumulata, non c’è una canzone in particolare, ma tutte quelle di una lezione di spinning!

9) Canzone da musical o film musicale preferito?

I film musicali mi annoiano un po’, da piccola mi piacevano, ma ora li trovo infantili. Preferisco i musical a teatro che comunque ho sempre visto poco. Non ho insomma una grande cultura in tal senso, ma se devo scegliere un film musicale il più interessante è The Blues Brothers, mentre come canzone da musical prendetene una a caso di Rock of Ages (visto a Londra in inglese: mio livello di comprensione zero a127).

10) La vostra attuale colonna sonora?

In questo periodo sono così impegnata che non ho nemmeno il tempo di avere una colonna sonora!! Però vi posso parlare della colonna sonora che ha caratterizzato la vacanza a Tenerife di settembre: in macchina infatti sentivamo sempre Los Cuarenta Canarias, una radio che trasmette musica sia musica spagnola che internazionale davvero interessante… Così interessante che una volta tornati in Italia ogni tanto la ascoltiamo ancora in streaming per mantenere un po’ di aria vacanziera pure a casa!!a278

Ecco, ora taggherò 5 di voi, sperando di non beccare chi l’ha già fatto…

Franci

Nella

BGirl!

Fefy

Enza

Potete partecipare se non l’avete fatto prima, anche se non vi ho nominate!! Inviatemi il link e se non avete un blog rispondete in un commento qui sotto!

Buona musica a tutti!a253

9 Responses to “TAG: La musica della tua vita!”

  1. avatar nella scrive:

    Certo che ricordare ” Blu Brothers ” è proprio un colpo di genio…
    Ottimi gusti e ricordi mia cara..
    Bacio serale!

  2. avatar fabina scrive:

    Armageddon!!!!! Io piangevo quando passava il videdo su MTV (ero una ragazzina!!)…ho amato il film (e ben affleck of course!) e ho sentito mille volte quella canzone!!

  3. avatar Sakura scrive:

    Carino questo tag, abbiamo in comune la sigla dei cartoni animati, anche io amavo L’incantevole Creamy 😀
    E poi Armageddon…Indimenticabile e quanti pianti al film….aaaaah….

  4. avatar makeupnonsolo scrive:

    Io su Pollon e Creamy ho fatto la hola…sono i miei cartoni preferiti insieme a Jem e a Ti voglio bene Denver 🙂
    Tantissime altre canzoni che hai messo mi piacciono molto…mi sa che abbiamo i gusti musicali molto simili!

    • avatar Pamela scrive:

      Anche Jem mi piaceva, ma ero non ero abbastanza grande quando uscì in Italia da apprezzarla al meglio…
      Denver lo guardava sempre mio fratello e lì io ero troppo grande per guardarlo con interesse…
      Credo che le preferenze per questo o quel cartone animato dipendano anche dal periodo storico in cui li guardi!!

RSS feed for comments on this post. And trackBack URL.

Leave a Reply

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti oppure iscriviti senza commentare.

Sette giorni… non è una minaccia!

venerdì 11 novembre 2016

Ciao a tutti,

a grande richiesta vi spiego il percorso che ho seguito per perdere quei 5/6 kg di troppo accumulati durante gli ultimi 2 anni.

Voglio premettere che non sono mai stata in grave sovrappeso, ma in passato ho sempre avuto degli antiestetici cuscinetti di adipe accumulati soprattutto sulla pancia. Non mi piacevo proprio insomma, mi vedevo brutta e senza curve al punto giusto.

4 anni fa, come vi avevo già spiegato in passato, ho seguito per 4/5 mesi la dieta Dukan, ed avevo perso ben 8 kg, poi dopo una pausa natalizia e invernale, l’ho ricominciata in primavera perdendo altri 2/3 kg. Insomma, ero arrivata al mio peso ideale che ho poi mantenuto per due anni seguendo semplicemente qualche regoletta e provando ad avere una vita più attiva (ma niente palestra).

La mia parentesi a Siena, come ben sapete ormai, è stata un fallimento sotto molti punti di vista, anche la mia forma fisica, condizionata da altri fattori (lavorativi, psicologici, ecc.).

Da quando sono tornata a Firenze a febbraio scorso, ho deciso di tornare in forma.

I kg da perdere stavolta erano meno (6/7) per cui non avevo intenzione di seguire la Dukan di nuovo che è molto rigida e non consente sgarri nè una vita sociale normale: diciamocelo, andare al ristorante e guardare i tuoi amici che mangiano una pizza mentre tu hai nel piatto un misero petto di pollo alla griglia senza olio non è il massimo della goduria e della socialità…  Per non parlare del momento del dolce, in cui vorresti essere millemila km lontano da lì…

Ma qualche genio vicino a Dukan deve aver capito la mia esigenza ed ha studiato una dieta meno ferrea, in cui i sacrifici sono limitati e durano pochi giorni la settimana. Si chiama scala nutrizionale o “dieta dei sette giorni” perchè ogni ciclo dura appunto una settimana.

bd2

Come funziona

In realtà si tratta di una variante della dieta classica in 4 fasi, solo che le prime due fasi, attacco e crociera, sono sostituite da una fase unica nella quale si devono seguire dei cicli da 7 giorni in cui ogni giorno si aumentano le tipologie di alimenti che si possono mangiare.

  • Il primo giorno è come la fase di attacco, solo proteine.
  • Il secondo giorno alle proteine si aggiungono le verdure.
  • Il terzo giorno a proteine e verdure si aggiunge una porzione di frutta al giorno.
  • Il quarto giorno si aggiungono 2 fette (85 gr) di pane integrale.
  • Il quinto giorno si aggiungerebbe una porzione di formaggi magri (a me non piacciono i formaggi, quindi replico il quarto giorno).
  • Il sesto giorno si aggiunge una porzione di amidacei (patate, legumi, pasta o riso). A volte ho osato con una pizza pomodoro e verdure, soprattutto se ero a cena fuori…a048
  • Il settimo giorno si ha diritto ad un pasto della festa, nel quale si può mangiare di tutto ma senza esagerare.

Gli “alimenti tollerati” della dieta classica si possono mangiare dal terzo giorno.

7-giorni

Poi si prosegue con la terza fase della dieta Dukan classica che dura 10 giorni per ogni kg perso e con la quarta fase in via definitiva (1 giorno di proteine a settimana, 2 cucchiai di crusca d’avena al giorno e evitare gli ascensori). Queste fasi le avevo spiegate bene a suo tempo qui.

Cosa promette

La scala nutrizionale promette di perdere qualche kg in un periodo di tempo più ampio rispetto alla classica Dukan. In media si perdono circa 6/700 grammi a settimana durante la fase di crociera, perdita che diventa definitiva se si prosegue con la fase di stabilizzazione.

Quindi, se come me avete ripreso qualche chiletto dopo la dieta classica, o se comunque volete rivedervi in forma in vista dell’estate e non volete sottostare a regimi rigidissimi, questa dieta potrebbe fare al caso vostro.

Se invece i kg da perdere sono molti più di 4 o 5 oppure se avete problemi di salute, allora evitate comunque il fai da te e rivolgetevi al vostro medico o ad un esperto.

Ma alla fine… funziona davvero?

Dipende.

Ovviamente se non si fa la passeggiata giornaliera di 20/30 minuti e non si bevono almeno 2/3 litri di acqua al giorno, la dieta è inutile e forse pure dannosa.

Nel mio caso posso dire che non solo ha funzionato, ma è stata anche piacevole da seguire perchè senza rinunce.

Vi avevo detto che l’ho iniziata a fine maggio? Ecco, proprio il tempo delle ciliegie, frutto di cui non posso fare a meno, ma molto zuccherino quindi sconsigliato se si vuole dimagrire. Quest’anno, nell’ambito di questo regime, ne ho mangiate quasi tutti i giorni 15/20 belle grosse (circa 150 grammi) e sono comunque dimagrita. E quando da agosto sono finite, ho iniziato con le pesche, le susine, le fragole… e quando sono finite anche queste allora mi sono fiondata sull’altro frutto che adoro, il mango. Non sono golosissima, quindi non mi è pesato mangiare il dolce solo una (o due, in caso di sgarri…a133) volte a settimana.

Il risultato alla fine è arrivato. Si vede dalle foto, dai vestiti e pure dalla bilancia, anche se su quest’ultima non è stato così evidente.

metamorfosi

Non tollerando come ero diventata in quel periodo, evitavo di fotografarmi, per cui trovare una foto in cui si veda un po’ il fisico è stata un’impresa… L’unica è questa qui sopra a sinistra, che non ho scattato io ma degli amici mentre eravamo a cena, ulteriore dimostrazione di quanto mi vergognassi… A dire la verità mi vergogno tuttora a pubblicarla… Voi non guardatela troppo, anzi guardate solo l’altra!!

Dopo aver perso quasi 6 kg in poco più di 3 mesi, ho deciso che per il momento va bene così e da settembre ho smesso.

Non ho il fisico da modella o palestrata e mai lo avrò (ma nemmeno lo voglio!! a239), mi mantengo “in linea” seguendo le 3 regolette della quarta fase ed evitando gli eccessi in tavola. Per ora funziona.

N.B. Lungi da me dare indicazioni o consigli su questo o quel regime nutrizionale. Siamo tutti diversi, ognuno con le sue esigenze e problematiche per cui quello che fa dimagrire me può fare malissimo a voi o viceversa. Ho solo esposto qui la mia esperienza e le mie impressioni su una dieta che, anche se efficace, deve essere limitata ad un intervallo temporale breve e ben definito.

4 Responses to “Sette giorni… non è una minaccia!”

  1. avatar nella scrive:

    Non ce la posso fare…assolutamente, non sono costante,sono golosa, io che facevo per la danza 4 h di sala ballo al dì, ora smettendo e seguendo solo qualche coreografia ne ho presi 8 di kg..e devo portarli dietro con estrema fatica…ma so già , perchè mi conosco bene, la mia discontinuità in questo caso.
    Testa, mangiare meno, diminuire le porzioni e muoversi di più..
    Lo faccio? ..a volte..che vergogna!!!!
    Bacioni mia cara!

    • avatar Pamela scrive:

      Le tentazioni sono sempre dietro l’angolo… Io riesco a farla solo perchè sono molto testarda (e non è sempre un pregio…) e solo per brevi periodi. Riguardo al movimento in questo periodo sono più pigrona del solito e devo invece darmi una mossa… Mah, sarà l’autunno!!
      Un bacione e buonanotte!!

  2. avatar Itiah scrive:

    Iniziare una dieta con la costanza come premessa è già un punto a favore! sei stata davvero brava. Poi, una volta presa l’abitudine, si impara anche a mangiare più sano, senza rinunciare, ogni tanto, a qualche sgarro!
    Per forza di cose nell’ultimo anno mi sono messa a dieta pure io…più che dieta ho cambiato completamente modo di mangiare, anche causa intolleranza al lattosio…ho perso 8 kg, ma la cosa più bella è stato togliere di giro il gonfiore addominale!!!

    • avatar Pamela scrive:

      Non male 8 kg in un anno!!
      Forse anche io ho qualche intolleranza, ma non mi decido mai ad approfondire l’argomento anche perchè so che è complicato capire quale è l’alimento incriminato!!

RSS feed for comments on this post. And trackBack URL.

Leave a Reply

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti oppure iscriviti senza commentare.

Ritorno alla nail art

sabato 29 ottobre 2016

Ciao a tutti,

prima di andare in ferie mi sono ritagliata un pomeriggio per ricominciare con la ricostruzione, quindi le foto che vedete risalgono a circa due mesi fa. (cliccate su ognuna per visualizzarle in una dimensione compatibile con l’occhio umano)

Dopo solo 5 settimane le ho tolte perchè le unghie mi si erano allungate in modo impressionante, un paio si erano sollevate dalla base e una si era addirittura staccata completamente negli ultimi giorni. Insomma ho capito che devo riprendere la mano.

Riguardo alla decorazione, ero proprio fuori allenamento e si vede. Le microperline che ho usato poi hanno fatto reazione con il gel e si sono scolorite lasciando un alone sul bianco della french.

Insomma, non sono proprio soddisfattissima del risultato.

A voi che ve ne pare? Vi piacciono? Avete qualche consiglio o suggerimento per la prossima volta?

A presto

14 Responses to “Ritorno alla nail art”

  1. avatar nella scrive:

    Come sempre sei straordinaria…..
    Buon w/ e e festa di Halloween mia cara!

  2. avatar MakeUpNonSolo scrive:

    sono molto carine e discrete come piace a me. Sai che però io sono una smaltomane, mi piace cambiare colore molto velocemente!

  3. avatar francimakeup scrive:

    Io con le unghie sono una frana quindi non posso darti consigli

  4. avatar Sakura scrive:

    Invece secondo me son venute carinissime, non sai come ti invidio la pazienza, non mi ci vedo proprio io a impazzire con quelle sferette minuscole e sistemarla allineate, penso che uscirei pazza XD

    • avatar Pamela scrive:

      In realtà non è così difficile, il trucco è passare prima un po’ di gel e usare un bastoncino per le cuticole per spostarli!! Ci metti meno del previsto, peccato solo per lo scolorimento!!

  5. avatar Valentina scrive:

    molto bella, complimenti =)

  6. avatar Itiah scrive:

    Per me sei stata bravissima, io non saprei da che parte rifarmi! peccato solo che le perline abbiano scolorito, quello non ci voleva…

RSS feed for comments on this post. And trackBack URL.

Leave a Reply

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti oppure iscriviti senza commentare.

Autunno in… Tag

lunedì 24 ottobre 2016

autunno

Strano ma vero, riesco a partecipare ad un tag sull’autunno quando… è ancora autunno!!!! a078Penso che in questo momento anche la carinissima Franci che mi ha taggata si starà meravigliando del mio tempismo…

Ma andiamo a leggere le regole:

1- Usare l’immagine del tag che  trovate qui e citare l’ideatrice del tag 

2- Raccontare quali sono le tre cose che ti fanno esclamare: “É arrivato l’Autunno!”

3- Nominare 15 blogger 

Il tag è ideato da Il Mondo di Shioren.

Le tre cose che mi fanno capire che l’autunno è arrivato sono forse un po’ banali:

1) Il ritorno dalle ferie: in genere le mie ferie sono a settembre, quindi il mio rientro corrisponde sempre all’inizio dell’autunno… Quest’anno ad esempio sono tornata al lavoro proprio il 21 settembre!

rientro-valigia

2) La sparizione della frutta estiva al supermercato e la comparsa delle castagne: finisce la frutta estiva (pesche, albicocche, fragole…) che adoro e compaiono uva e fichi che non mi piacciono, ma in compenso arrivano le castagne e io mi cimento nella preparazione dei marron glacès che si spaccano puntualmente… a057Consigli?

marron-glaces

3) Trilly che quando sono al computer mi salta sulle gambe, mi riempie di bacini e fusa, poi si acciambella e continuando a fare fusa si addormenta e mi fa restare inchiodata alla sedia per ore… a045perchè non so voi, ma io non ce la faccio proprio a svegliarla…a316

trilly-dorme

Foto risalente a quest’estate ma è stata solo un’eccezione perchè era una sera particolarmente fresca…

Ed ora dovrei taggare 15 di voi, ma è già tanto se ho risposto al tag in tempo… Facciamo così: se non lo avete ancora fatto, siete taggate!! Potete anche rispondere nei commenti: quali sono le tre cose che vi fanno capire che è arrivato l’autunno?a158

8 Responses to “Autunno in… Tag”

  1. avatar nella scrive:

    I primi freddi, il cambiamento di gusti culinari,la voglia di fare meno del solito..e questo lo lascio solo per te mia cara , perchè il mio tempo è sempre tiranno..
    Bacionissimi!

    • avatar Pamela scrive:

      Beh cara Nella, chi è che ha tempo, soprattutto in questo periodo!! Non sai quanto ti capisco!!
      Grazie per essere passata e per aver risposto al tag!!
      P.S. Sto sfidando la voglia di poltrire imbarcandomi in nuove attività… devo essere folle!! 🙂
      Un abbraccio forte!

  2. avatar francimakeup scrive:

    Sei stata bravissima! Che buone le castagne ma non le so preparare, mi spiace le so solo mangiare eheheh

    • avatar Pamela scrive:

      Ma che bravissima!! Ho tag dello scorso anno a cui devo ancora rispondere… Ma ci arrivo, vedrai che ci arrivo 😀
      I marron glacè sono facili da preparare, solo che la procedura è un po’ lunghetta e a me si frantumano puntualmente… Quelli in foto sono dell’anno scorso perchè quest’anno ho deciso di lasciarli nello sciroppo così si mantengono di più e la foto non sarebbe granchè!!

  3. avatar Enza scrive:

    Ciao Pam!
    Anche se le stagioni con la natura ingrigita non mi piacciono molto, ci sono tuttavia delle cose che in fondo, in fondo me le fanno apprezzare: il cibo e il vino =D
    Se d’estate prediligo pesce (soprattutto cozze a secchiate) e vino bianco, l’autunno mi da il saluto con funghi, tartufo e carne, ed il nettare di Bacco si tinge di rosso.
    In particolare cerco di non perdermi sagre e fiere dove posso trovare funghi cotti in tutte le salse ed il tartufo proposto con l’ovetto al tegamino.
    Adoro quelle domeniche quando si organizzano tavolate con gli amici in trattoria e non ci si alza dal tavolo prima delle quattro. Ah, quanto mi piace!!

    Un abbraccio
    Enza

    • avatar Pamela scrive:

      Ciao Enza!
      Anche a me l’autunno non piace molto, soprattutto odio quando finisce la frutta estiva! Per fortuna ci sono almeno le castagne e i funghi! Devo organizzarmi anche io con le sagre, mi piacerebbe farne qualcuna nei dintorni, ma con il tempo brutto e il freddo la voglia di uscire soccombe a quella di sonnecchiare in casa con i gatti… 😀
      Un bacione!

  4. avatar makeupnonsolo scrive:

    Non ho fatto questo tag! Mi sento taggata automaticamente!! 🙂

RSS feed for comments on this post. And trackBack URL.

Leave a Reply

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti oppure iscriviti senza commentare.